Il gruppo Giglio conquista il Celeste Impero

stampa | chiudi

26 Aprile 2016  Scritto da: Redazione


 Il mondo della televisione sta raggiungendo negli ultimi anni l’apice delle sue potenzialità in termini di possibilità dell’offerta. Basta avere accesso a una televisione, o in molti casi a semplici smartphone, per poter usufruire di una rete di distribuzione globale e sfaccettata. È iniziato per gli operatori del settore un percorso di internazionalizzazione del mercato in cui nessun luogo è inaccessibile (o quasi) ed è necessario riuscire a creare un prodotto unico e al tempo stesso globale. Alessandro Giglio, Fondatore e Presidente di Giglio Group, ne ha tracciato con noi le linee guida.

 

Con Giglio TV il gruppo italiano Giglio Group ha esteso la sua offerta anche alla Cina. Quali sono stati i motivi che hanno portato al successo nel mercato cinese? 

 

La Cina è un mercato immenso e i cinesi amano e ammirano molto il LyfeStyle italiano e l’Italia. Un mix perfetto per il nostro Gruppo, che come mission si propone di trasmettere il meglio del made in Italy e dell’Italia in Cina. Siamo, difatti, esclusivisti nel broadcasting per la Cina e molti importanti società italiane che vogliono diffondere il proprio brand in Cina scelgono sempre più Giglio Tv come canale preferenziale. Ne è l’esempio anche il recente accordo con Gambero Rosso, con cui abbiamo siglato una partnership per la trasmissione di contenuti del settore agroalimentare, enogastronomico e turistico italiano, da diffondere sulle TV di Stato cinesi CCTV e sulle principali piattaforme internet e mobile, con cui vantiamo accordi da diversi anni ormai. La Cina è un Paese di grandi numeri e di altrettante potenzialità, su cui il nostro Gruppo ha investito anni fa, godendo oggi di indubbi vantaggi competitivi e di posizionamento.

    

 

Giglio Group è presente in 45 paesi e 5 continenti e, oltre al successo cinese, quest’anno è approdato anche in Australia. Quali sono le prossime avventure internazionali per il gruppo in termini di crescita strategica?

 

“Sul Gruppo Giglio il sole non tramonta mai” è diventato il nostro motto proprio perché siamo, a tutti gli effetti, un vero network globale. Oltre alla Cina, dove siamo presenti con Giglio TV su tutte le principali piattaforme tv e online,  siamo presenti worldwide con Nautical Channel, considerato che nel corso del 2015 abbiamo raggiunto nuovi Paesi come Emirati Arabi, Oman, Libano, Australia e presto arriveremo anche in Canada, dove poche settimane fa abbiamo ricevuto via libera dall’Autorità Canadese delle Telecomunicazioni (CRTC-Canadian Radio-television and Telecommunications) per poter trasmettere e diventare l’unico canale dedicato alla nautica in Canada. La recente acquisizione di MF Fashion (rinominata Giglio Fashion) ci sta aprendo poi un importante viatico negli USA, oltre che in Cina, nel settore dell’E-commerce. Recentemente abbiamo costituito “Giglio U.S.A.”, con sede operativa a New York, proprio allo scopo di presidiare le attività nel Nord America, un mercato sempre più strategico, in cui far fruttare al massimo le sinergie tecnologiche e commerciali tra Giglio Group e Giglio Fashion e creare una vera Social E-Commerce Media Company dedicata alla promozione del Made in Italy nel mondo.

 

 

Di fronte a questa crescita internazionale è spontaneo domandarsi quali possono essere, invece, i progetti per l’Italia?

Stante una forte propensione internazionale dei nostri canali, in Italia siamo presenti da anni sul digitale terrestre con i canali Acqua (dedicato alla nautica e sport acquatici) e Playme (canale musicale), dove riscontriamo comunque buoni risultati all’interno di un’offerta sempre più competitiva e personalizzata. In Italia, Giglio Group realizza le produzioni per i programmi di Giglio TV trasmessi in Cina e, principalmente, sviluppa sinergie di business con player fortemente tecnologici e con un’impronta internazionale.

 A settembre infatti, abbiamo acquisito M-Three SatCom, società che fornisce soluzioni di massimo livello per il settore broadcast radio televisivo, che ci ha permesso di concludere già importanti accordi con broadcaster primari come Discovery e Viacom, e di diventare i primi a portare la tecnologia HD in IRAN.  L’ infrastruttura  di M-Three è in continuo sviluppo ed ha lanciato recentemente nuovi servizi di diffusione delle proprie piattaforme digitali di Milano e Roma, da cui diffonde il segnale dei principali network nel mondo. L’acquisizione di M-Three ci consente di diventare polo tecnologico di produrre e diffondere contenuti televisivi, ma distribuire segnali televisivi via fibra ottica e via satellite a livello globale. La stessa Giglio Fashion, acquisita nel febbraio 2016, è italianissima ed è uno dei maggiori distributori B2B nella moda online che rappresenta il nuovo market place online a livello globale per il Fashion, servendo i trenta principali digital retailer del mondo.

 

Melania Mauri