bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
15 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




COSA FARANNO LE BANCHE CENTRALI? LE PREVISONI DI ING

23 Ottobre 2017 - Autore: Redazione


Si preannuncia una settimana impegnativa per le principali banche centrali mondiali: tra giovedì 26 ottobre e giovedì 2 novembre si riuniranno, nell’ordine, Bce, Bank of Japan, Fed e Bank of England.

Cosa faranno? La banca ING ha diffuso le sue previsioni sulle azioni delle banche centrali.

 

Bce

La banca olandese si aspetta che la Bce annuncerà una riduzione degli acquisti mensili di titoli da 60 a 25 miliardi l’anno, che durerà fino alla fine del 2018. Lo scenario hawkish prevede un termine del QE a metà 2018, mentre quello dovish una riduzione dello stesso a 40 miliardi per la prima metà del 2018, suggerendo una sua prosecuzione fino al Q3 2018.

 

Bank of Japan

Secondo lo scenario base di ING, alla riunione della BoJ del 31 ottobre, Goushi Kataoka dovrebbe continuare con la sua linea dissenziente, votando ancora a favore di una politica monetaria più espansiva. Alla fine la politica monetaria dovrebbe restare espansiva, con un voto 8-1 del board. Secondo lo scenario hawkish, Kataoka si allineerebbe a favore di una politica monetaria immutata, che sarebbe quindi votata all’unanimità da tutti i membri del board. In alternativa, il dissenso di Kataoka potrebbe diffondersi, stando allo scenario più dovish.

 

Federal Reserve

Alla riunione del primo novembre, la banca olandese si attende una politica monetaria invariata da parte della Fed. L’inflazione dovrebbe raggiungere il target nel medio periodo grazie a rialzi graduali dei tassi.

Lo scenario hawkish vede un intento di rialzare i tassi a dicembre, mentre quello più dovish una distorsione dei dati per colpa degli uragani in USA, che renderebbe difficile la decisione di rialzare i tassi.

 

Bank of England

L’ultima riunione in agenda è quella della Bank of England, prevista per il 2 novembre. ING si aspetta un rialzo del tassi, ma graduale.

Ancora più hawkish sarebbe lo scenario che possano essere preannunciati più rialzi dei tassi durante il 2018, il che renderebbe più ripida la curva dei tassi. Lo scenario più dovish prevede invece un rinvio della decisione sui tassi, complici il nervosismo legato alla Brexit e la crescita lenta della Gran Bretagna.




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento







cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting