directa
FinanzaeDiritto sui social network
22 Febbraio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Cina punta tutto sulle obbligazioni

23 Gennaio 2019 - Autore: Angela Tuccia


 

Le obbligazioni cinesi, in costante crescita, offrono opportunità interessanti, lo sostiene Patricia Schuetz, Senior Client Portfolio Manager di Pictet Asset Management. Il mercato obbligazionario cinese è sempre più maturo, diversificato e internazionale, e il renminbi è indicato come la valuta di riserva del futuro. Sebbene la crescita cinese sia destinata a rallentare in futuro, dovrebbe anche essere più stabile, in quanto l'economia sta lentamente raggiungendo un punto di equilibrio orientandosi dalle materie prime verso i servizi, inoltre il tasso di cambio è stato liberalizzato, prosegue Schuetz. La Cina sta anche spostando rapidamente la catena del valore della manifattura dalla quantità alla qualità. Un ulteriore fattore di attrattiva del mercato è il fatto che le obbligazioni cinesi offrono rendimenti relativamente elevati e non particolarmente correlati con quelli delle altre classi di attivi. Inoltre, secondo l'analisi di Pictet, quest'anno ci sarà una crescita del Pil cinese del 6,4%, due volte più veloce rispetto a tutto il resto del mondo e tre volte più veloce rispetto alle economie sviluppate. Infatti, prosegue la money manager, negli scorsi mesi il governo si è impegnato ad adottare una politica fiscale più accomodante, unita a sforzi coordinati per sostenere la domanda interna e la crescita del Pil. Una politica che prevede tagli fiscali per aziende e famiglie, e forti investimenti in infrastrutture. La People’s Bank of China è l'unica grande banca centrale che ancora concede uno stimolo monetario e si prevede che immetterà ben oltre 200 miliardi di dollari nell'economia nel corso del 2019. L'analista, inoltre, sostiene che ci saranno numerose opportunità specifiche all'interno dello stesso mercato obbligazionario cinese denominato in dollari, dove qualsiasi debolezza valutaria, come accaduto a metà 2018, costituirebbe potenziali punti d'ingresso interessanti. Le società di gestione patrimoniale cinesi saranno tra i principali beneficiari delle misure di stimolo. Lo stesso vale per le società immobiliari, le cui strutture del capitale mostrano già un miglioramento. Ciò che è determinante è che le valutazioni delle obbligazioni societarie emesse da società che appartengono a questi settori non riflettano questo potenziale, conclude Schuetz.

 



 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento










cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades